Questo umile ortaggio, che fa parte delle famiglia delle crucifere di cui fanno parte anche broccoli, cavoletti di bruxelles e cavolfiori, nasconde una ricchezza di importanti sostanze nutritive.
Gli studi dimostrano che il cavolo può aiutare a prevenire il cancro, ridurre il colesterolo, e guarire le ulcere.

Come molte verdure la prolungata cottura distrugge la maggior parte delle proprietà nutritive pertanto è consigliata una breve cottura a vapore oppure facendolo saltare velocemente in padella (deve rimanere croccante e non cuocersi troppo).
Altra importantissima informazione che non tutti conoscono è la superiorità nutritiva del cavolo rosso: contiene infatti gli antociani (presenti in modo importante anche nelle carote e nelle patate viola, per esempio), pigmenti colorati che hanno la funzione di potentissimi antiossidanti. Se possibile, quindi, meglio usare il cavolo rosso nelle nostre ricette:)

PROPRIETA’

+Fibra
Il cavolo è il migliore amico di uno stomaco. Come i suoi cugini più trendy Cavoletti di Bruxelles, broccoli e cavoli, la verza è una fonte incredibile di fibra.
Il Cavolo crudo è stato dimostrato essere di aiuto nel guarire le ulcere dello stomaco.

+Antiossidanti
Gli studi mostrano gli antiossidanti possono ridurre l’infiammazione, fornire protezione del cancro, e aumentare le funzionalità del cervello.

+Anticolesterolo
Si può guardare questo superfood come un riduttore di colesterolo naturale ed efficace:)

+Anticancro
Il Cavolo contiene composti a base di zolfo chiamati glucosinolati che hanno proprietà anti-cancerogene. Nel corpo, glucosinolati diventano composti chiamati isotiocianati, che diversi studi suggeriscono inibire la crescita delle cellule tumorali.

+Vitamine
Forniscono un’ottima dose di vitamine A, C, E e K, e del complesso B, compresa la tiamina (B1) e niacina (B2).

+Minerali
Contengono anche i seguenti minerali : calcio, un po ‘di rame, ferro, potassio, zinco, magnesio, manganese, fosforo, selenio e sodio

+Antinfiammatori
L’aminoacido, la glutammina, è noto per avere proprietà anti-infiammatorie

Cavolo e altre verdure crocifere contengono piccole quantità di tiocianato , un composto associato alla formazione del gozzo quando l’assunzione di iodio è carente

CURIOSITA’ E STORIA

Anche se il cavolo ha una lunga storia, è difficile rintracciare le sue origini precise a causa delle molte varietà di verdure a foglia verde classificate come “Brassica”.

Probabilmente i primi ad averli addomesticati, prima del 1000 aC, sono stati i celti dell’Europa centrale e occidentale. 

Gli antichi greci ed i romani avevano alcune varietà di cavolo che  hanno usato sia come cibo che come medicine. Tuttavia sono stati anche considerati come un fastidio e non coltivati ​​nei pressi delle viti di uva perchè si credeva potessero trasmettere il loro sapore ai vitigni e quindi rovinare il vino.

Alcuni manoscritti mostrano l’importanza del cavolo nella cucina del Medioevo.

Il cavolo è un alimento base per i contadini europei tra i 14 th e 19 th secolo, insieme al pane nero. Si tratta di un ortaggio invernale e gli olandesi e i tedeschi lo facevano fermentare per fare i crauti che sono stati mangiati da marinai olandesi per prevenire lo scorbuto nei lunghi viaggi di scoperta. E’ stato poi introdotto nel Nord America dai primi coloni tedeschi.

L’antipatia verso la vite faceva sembrare che mangiare cavoli permettesse di evitare l’ubriachezza:)

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo Email non verrà pubblicato.